postit_IT
0 IT

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello
0 IT

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Piodermite del cane: tutto quello che c’è da sapere

Sintomi, cause e cura: ecco tutto quello che devi sapere sulla piodermite del cane e quale alimentazione preferire.

La piodermite del cane è una forma di dermatite batterica piuttosto frequente che colpisce la cute dei nostri amici a quattro zampe.
Con questo articolo cercheremo di fare un po’ di chiarezza su questa patologia analizzandone sintomi, cause e rimedi.
 

Che cos’è esattamente la piodermite del cane?

 
La piodermite è un'infezione batterica della cute può avere diverse cause (infettive e infiammatorie) e che più frequentemente colpisce il cane rispetto al gatto.
Una delle cause scatenanti più frequenti è la presenza di un'infiammazione in corso che diventa il terreno ideale per lo sviluppo delle infezioni da germi.
Generalmente il principale batterio che causa la piodermite è lo Staphyloccus pseudintermedius, ma non è escluso che anche altre specie possano essere coinvolte.
Classicamente le piodermiti vengono divise in superficiali e profonde a seconda dell’estensione del processo infiammatorio.
Le prime sono confinate all’epidermide e all’epitelio follicolare e sono in genere essudative e associate al prurito.
Le seconde, invece, penetrano nel derma e nei tessuti profondi con gravi lesioni che includono bolle emorragiche, noduli, ulcere e croste. Quest’ultima condizione è spesso molto dolorosa, mentre il prurito è meno frequente.
Spesso la piodermite del cane insorge in seguito ad altre problematiche come le cattive condizione igieniche, malattie ormonali, patologie infettive, la presenza di parassiti o un’allergia.
 

Piodermite del cane: i sintomi

 
Come dicevamo, a seconda della sua tipologia, questo tipo d’infezione è evidenziabile dal manifestarsi di arrossamenti, eruzioni, forfora e pustole, fino ad arrivare all’infezione secondaria che comporta la formazione di ascessi purulenti e croste.
Generalmente il prurito aggrava la situazione. Il cane, infatti, grattandosi estende la zona interessata e può provocarsi lesioni.
Le zone cutanee più spesso colpite sono il muso e le zampe (soprattutto gli spazi interdigitali sono zone in cui il calore e l’umidità favoriscono la proliferazione batterica), i gomiti e il ventre, ma qualsiasi zona della cute può diventarne bersaglio.
 

Piodermite del cane: le cause

 
La piodermite in quanto tale è dovuta a una proliferazione anomala di batteri.
Nella maggioranza dei casi, tuttavia, si tratta di batteri che normalmente si trovano sulla cute dell’animale senza dare alcun problema. Questi, infatti, diventano nocivi solo nel momento in cui si moltiplicano oltre una certa soglia.
Lo stimolo per questa moltiplicazione è dato da una sottostante infiammazione: in questo senso, allora, possiamo dire che l'infezione è un effetto, e non una causa, del problema.
Tra le cause scatenanti più frequenti ci sono:
 
  • Infestazioni parassitarie (come la presenza di pulci);
  • Allergie ambientali o alimentari;
  • Intolleranze a particolari alimenti;
  • Malattie endocrine;
  • Malattie del sistema immunitario.
 

Piodermite del cane e intolleranze alimentari

 
Al di là delle forme da sempre esistite, attualmente si è notato che tra le cause più frequenti di piodermite del cane c’è l’intolleranza ad uno o più alimenti presenti nella loro dieta.
Le intolleranze alimentari sono in continuo aumento sia in medicina veterinaria, sia in quella umana e generalmente provocano, quale risposta dell’organismo alle sostanze da esso ritenute dannose, proprio fenomeni infiammatori alla sua parte più sensibile (chiamato “organo bersaglio”).
L’infiammazione dell’organo bersaglio rappresenta spesso l’unica manifestazione visibile di un fenomeno d’intolleranza alimentare. Se l’organo bersaglio dell’intolleranza a uno o più alimenti è la cute, si possono manifestare dermatiti e piodermiti. In questi casi l’unica soluzione valida per trattare i disturbi e prevenire le ricadute passa anche attraverso un cambio dell’alimentazione.
Se l’alimento disturbante continuerà a far parte della dieta dell’animale, infatti, il processo infiammatorio diverrà per forza di cose cronico.
Poiché il proliferare dei batteri è l’effetto e non la causa del problema, trattare efficacemente la piodermite è molto spesso possibile solo attraverso una dieta specifica e solo dopo l’identificazione dell’intolleranza alimentare che ne è alla base.
 

La diagnosi della piodermite del cane

 
Se noti nel tuo cane i sintomi della piodermite, ti invitiamo a recarti subito dal tuo veterinario di fiducia affinché possa effettuare una diagnosi accurata e garantirgli tutte le cure necessarie.
Il medico, dopo un’attenta anamnesi, potrà confermare o meno la diagnosi e prescrivere al tuo amico a quattro zampe una corretta terapia.
Generalmente il veterinario procederà con una visita completa dell’animale e potrà decidere se proseguire con un esame citologico, un raschiamento della cute o un esame colturale per approfondire in laboratorio o, ancora, se eseguire test ormonali e allergologici, biopsie ed esami del sangue.
Tutto ciò di fondamentale importanza per arrivare a stabilire la causa del disturbo e garantire al cane un trattamento corretto per una pronta guarigione.
La piodermite, infatti, è una condizione piuttosto frustrante che provoca fastidio, dolore e stress nei nostri amici pelosi.
 

La piodermite del cane è contagiosa?

 
La piodermite di per sé non è contagiosa né per altri cani, né per gli esseri umani.
È bene ricordare, però, che solitamente questa condizione è causata da altre patologie e problematiche. Queste ultime possono essere contagiose.
 

Prevenzione e cura della piodermite

 
Innanzitutto è importante dire che per prevenire la piodermite è importante garantire un ottimo stato di salute alla cute del cane.
Ciò significa utilizzare prodotti antiparassitari, fare bagnetti (non troppo di frequente) con prodotti specifici e spazzolare il mantello del cane periodicamente.
Inoltre è di fondamentale importanza somministrare ai nostri amici a quattro zampe un’alimentazione sana, bilanciata e di qualità. La salute passa sempre da ciò che si mangia!
Una dieta corretta deve garantire il corretto equilibrio idrico della cute, un appropriato strato lipidico e un adeguato bilanciamento degli acidi grassi.
Se al tuo cane dovesse essere diagnostica la piodermite, il tuo veterinario di fiducia ti indicherà sicuramente la giusta terapia da seguire.
Generalmente questa prevede sempre l’utilizzo di shampoo specifici per alleviare prurito e dolore.​​​​​
A seconda delle cause scatenanti della piodermite, inoltre, in alcuni casi potrebbe essere necessario un ciclo di antibiotici.
​Durante e dopo la terapia (e sempre chiedendo il parere al veterinario) ti invitiamo a utilizzare come alimento ideale FORZA10 Dermo Active. Questo alimento dietetico completo per cani adulti è stato pensato appositamente per il supporto alla funzione dermica in caso di dermatosi ed eccessiva perdita di peli.
Tra le sue caratteristiche principali ci sono un’unica fonte proteica (pesce), fonti glucidiche selezionate (patate e riso) e un numero ridotto di ingredienti. Ciò limita al minimo il rischio di allergie e intolleranze.
Inoltre al suo interno contiene estratti di Aloe Vera, sostanza lenitiva e cicatrizzante con proprietà idratanti ed emollienti, e l’estratto di Bardana, ricco di inulina, che aiuta a rafforzare il sistema immunitario e che ha un’azione antipruriginosa e neutralizzante delle tossine.
L’alimento, in più, grazie alla presenza di olio di pesce possiede un corretto apporto di acidi grassi essenziali che favorisce una condizione ottimale di cute e mantello e aiuta a mantenere l’integrità della barriera cutanea.
Puoi approfondire leggendo la nostra Analisi multicentrica sull’efficacia di FORZA10 Dermo Active come strumento nutrizionale nei disturbi cutanei senza l’ausilio di terapia farmacologica.