Carrello 0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

La gengivite nel gatto

La gengivite nel gatto - Cos'è

La gengivite nel gatto è un'infiammazione delle gengive molto diffusa, di natura multifattoriale e può colpire i gatti di tutte le età. Può essere lieve ma può anche assumere forme gravi, portando difficoltà nel nutrirsi, con progressivo dimagrimento. In questi casi si parla generalmente di malattie paradontali, ovvero quando vengono coinvolti i tessuti a sostegno dei denti. 

 

Gengivite nel gatto - Sintomi

Ovviamente variabili a seconda della gravità del caso.

  • Alitosi;
  • arrossamento della gengiva;
  • salivazione eccessiva;
  • salivazione alterata nel colore e molto odorosa;
  • sanguinamento;
  • dolore e quindi comportamenti del gatto in conseguenza di esso. Difficoltà a masticare, reazioni ostili cercando di toccargli la bocca;
  • conseguente dimagrimento.

 

Gengivite nel gatto - Cause

La causa più comune di gengivite nel gatto è la formazione di placche batteriche nei denti e nelle gengive. La proliferazione dei batteri porta alla creazione e all’accumulo di tartaro e alla conseguente gengivite. Se questo stato infiammatorio non viene trattato di conseguenza, si può arrivare alle malattie paradontali.
 
La gengivite nel gatto può però essere causata anche da malattie infettive virali (come il come il calicivirus felino) o da malattie metaboliche sistemiche come il diabete mellito, l’ipervitaminosi A o la stomatite uremica.

I virus della leucemia felina (FeLV) e dell'immunodeficienza felina (FIV), rendono il gatto più vulnerabile alle infezioni da batteri o allo sviluppo di altre malattie virali che possono portare a stomatiti e gengiviti. Aggiungiamo anche il complesso del granuloma eosinofilico che va a colpire la cute, le giunzioni muco-cutanee o le mucose.

Infine, l’infiammazione della gengiva potrebbe essere determinata dal contatto con agenti chimici dannosi o corpi estranei che il gatto prende in bocca.

Ma non alalrmatevi, non dovete conoscere a menadito queste patologie, perché c'è già qualcuno che le conosceed è il vostro medico veterinario. Quindi non fasciatevi la testa al primo arrossamento di gengive.
 

Prevenzione

Prestate attenzione ai comportamenti e a eventuali disturbi fisici del vvostro gatto, anticipare una degenerazione del problema può essere fondamentale, ricorrendo quindi al vostro veterinario di fiducia tempestivamente.

Inoltre, un’alimentazione corretta è sempre la base per il benessere psico-fisico del vostro gatto. Scegliete informati e con attenzione.
 

Trattamento

Affidatevi naturalmente al vostro medico veterinario perché a seconda della diagnosi, verrà prescritto un trattamento su misura. generalmente verrà effettuato un esame della bocca e se necessaria una radiografia, con eventuali esami di laboratorio.
Nei casi più frequenti, quelli dovuti a placca e tartaro, servirà una pulizia dentale a cui il veterinario potrà abbinare un trattamento farmacologico idoneo.